Progetto di Zooantropologia Didattica

CHE COS'E' LA ZOOANTROPOLOGIA?


La Zooantropologia Teorica nasce negli anni '90 grazie agli studi del Prof. Roberto Marchesini e studia la relazione che si instaura fra l'uomo e l'animale ed il contributo che nasce da questo incontro.
La Zooantropologia Teorica trova effetti pratici quando viene applicata alla didattica.

La Zooantropologia Didattica studia infatti il valore formativo della relazione con l'animale poiché riconosce i benefici del contatto con il mondo animale in ambito educativo e didattico.
I progetti di Zooantropologia Didattica vengono proposti in ambito scolastico e si rivolgono a gruppi classe di qualsiasi grado.
Questi progetti hanno lo scopo primario di sviluppare nei bambini: l'autostima, l'affettività, l'equilibrio emotivo e l'immaginazione.
Il referente animale ha infatti la capacità unica di liberare un importante contributo nel processo di crescita del bambino, sia nell'incontro e sia nel farne semplicemente riferimento.
I classici progetti che venivano e vengono tutt'ora proposti nelle scuole prevedono obiettivi di ordine conoscitivo, siano essi ecologici, naturalistici, etologici o sanitari. I progetti di Zooantropologia Didattica invece, richiamandosi alle Attività Assistenziali della Pet-Therapy, oltre agli obiettivi conoscitivi, introducono obiettivi di ordine educativo-didattico, mirati all'arricchimento del mondo interiore del bambino.
L'animale diviene la chiave per un accesso privilegiato all'universo interiore del bambino creando degli effetti importanti quali: il decentramento, la disposizione all'ascolto, l'attitudine all'osservazione, la flessibilità cognitiva, l'apertura alla diversità e la produzione del pensiero creativo.


CHI E' L'OPERATORE DI ZOOANTROPOLOGIA DIDATTICA?

 

E' un professionista certificato con specifiche competenze che si è formato presso la Scuola di Interazione Uomo Animale, fondata dal Prof. Roberto Marchesini con il fine di istruire operatori in grado di attivare ricerche sul ruolo antropologico e sociale dell'animale e progetti di studio e lavoro sulle componenti beneficiali della relazione uomo  animale (www.siua.it) e che aderisce alla Carta Modena (carta dei valori e dei principi della
Pet Parthnership) patrocinata dal Ministero della Salute.
L'operatore di Zooantropologia Didattica è in grado di creare e sviluppare, in collaborazione al corpo docente, progetti che utilizzano la referenza animale come volano di attività esperienziali fondate sul coinvolgimento dello studente e sulle sue leve motivazionali.

CHE COS'E' UN PROGETTO DI ZOOANTROPOLOGIA DIDATTICA?


E' un progetto che dà agli insegnanti la possibilità di mettere a disposizione del gruppo classe dei contributi di arricchimento che favoriscano un percorso migliorativo degli allievi.

QUALI SONO GLI OBIETTIVI?
I progetti di Zooantropologia Didattica hanno due ordini di obiettivi:
1) Migliorare la relazione con le altre specie attraverso la conoscenza, l'accettazione e la valorizzazione della diversità.
2) Utilizzare la referenza animale per offrire contributi formativi e didattici allo studente.

COME SI LAVORA?
Attraverso una didattica attiva di due tipi:
REFERENZIALE, senza l'animale presente, che lavora su aspetti come la cinestesia, la prattognosi, la sensorialità, l'espressività, la creatività, l'autocontrollo.
RELAZIONALE, dove è presente l'animale, che lavora su attività osservative, interattive, gestionali.
I progetti danno luogo a laboratori didattici che divengono il filo conduttore delle diverse lezioni, possono essere somatomotori, espressivi, naturalistici e sensoriali.

A CHI SI RIVOLGE?
A gruppi classe di ogni ordine e grado.

A COSA SERVE?
I progetti di Zooantropologia Didattica possono affrontare molte problematiche e situazioni presenti nel gruppo classe e lavorare su:

-    Prosocialità, intervenendo su problemi di condotta, bullismo, vandalismo, favorendo le competenze collaborative e negoziali.
-    Autostima, lavorando sui processi identitari, sulle capacità espressive e sull'autoefficacia, diminuendo così la timidezza, l'insicurezza o il disagio adolescenziale.
-    Difficoltà espressive, difficoltà psicomotorie, difficoltà nelle relazioni interpersonali, difficoltà nella prossemica e nel paralinguaggio.
-    Povertà dell'immaginario, mancanza di modelli rappresentativi, scarsa fantasia, deficit esperienziali, carenza di strumenti cognitivi per l'esplorazione e l'elaborazione.  

SEI INTERESSATO A PROPORRE UN NOSTRO PROGETTO ALLA TUA SCUOLA?

-    Puoi contattarci per richiedere un incontro gratuito in cui avremo modo di illustrare la nostra proposta e valutare insieme se è di interesse per la tua classe.

-    I nostri progetti si sviluppano su un minimo di cinque incontri con cadenza settimanale e sono attività di tipo referenziale, ovvero non è prevista la presenza dell'animale.

-    Le attività relazionali (quelle svolte in presenza di un animale) potranno essere concordate e valutate con il corpo docenti.

-    Noi proponiamo due tipi di interazione:

-    1) l'animale (solitamente il cane) verrà ospitato in classe.

-    2) il gruppo classe potrà visitare la nostra struttura in cui sono presenti diversi animali (cavalli, anatidi, capre, galline, cani, gatti,…)

CONTATTI

Associazione culturale il Bardo
www.ilbardo.jimdo.com
Email: ilbardoassociazione@gmail.com

 

Estelo Anghilante

Operatrice di Zooantropologia Didattica

Email: anghilantestelo@gmail.com
Telefono: 3293036030

Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it