Il Nazional-Anarchismo, o anarco-nazionalismo, è una corrente politica sincretica sviluppata compiutamente come movimento intorno al 1990 da un gruppo di ex sostenitori della terza via di conciliare l'anarco-individualismo con il nazionalismo e, in alcuni casi, con il separatismo volontario ed il federalismo. Ha le sue radici intellettuali negli scritti di Julius Evola e del neo-spengleriano Francis Parker Yockey, ma anche negli scritti di Ernst Jünger e nella sua figura dell'Anarca; possono essere associati a precursori della corrente anche alcuni concetti di Nietzsche o Céline. Pensatori come Kropotkin, Proudhon, Bowden, Spengler, Mishima, Crowley, Eliot, Belloc, Bakunin, Codreanu, Pound, Eliot sono punti di riferimento e studio tra gli attivisti. Identità, comunitarismo, animalismo, anticapitalismo, ecologia profonda, vegetarismo, antisionismo, si fondono in una galassia al cui interno si sviluppa questo apparente ossimoro metapolitico che mira a scardinare le ormai defunte categorie tradizionali di Destra e Sinistra. Il termine Nazional-anarchismo venne coniato contemporaneamente da Troy Southgate (Gran Bretagna), Peter Topfer (Germania) e Hans Cany (Francia).

 

In accordo con Troy Southgate il Bardo si sta occupando della traduzione in italiano di "National-Anarchism: a reader", che rappresenta il manifesto del movimento e, come recita la presentazione, un fresco tentativo di educare ed ispirare una nuova generazione di giovani radicali insoddisfatti.


Per farti un'idea più precisa puoi consultare il sito ufficiale del movimento www.national-anarchist.net e il sito in lingua italiana Nazional-Anarchismo http://nazionalanarchismo.jimdo.com

Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it